testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

22 ottobre 2012 - Imola, inaugurata l'ambulanza donata dal sig. Omero Polvani in ricordo della moglie Mafalda Marocchi

 Giornata importante quella di oggi per la comunità imolese, con l'accettazione della nuova ambulanza, davanti all'ingresso del Polo Sanitario Territoriale Città di Imola. Il Dipartimento di Emergenza e Accettazione dell'Ausl di Imola, da oggi ha una nuova ambulanza grazie alla volontà di Mafalda Marocchi, recentemente scomparsa e del marito, Omero Polvani, un privato cittadino, che in un'atmosfera di profonda commozione e partecipazione ha donato questa preziosa risorsa alla cittadinanza.

«Nella città di Imola - ha spiegato il sig Omero Polvani  - ho trascorso 22 dei 56 anni di matrimonio con mia moglie Mafalda. Sono legato a questo posto e alla gente e da tempo io e mia moglie desideravamo donare un' ambulanza che potesse essere di aiuto alla comunità." 

« Il nuovo mezzo, in un momento di crisi economica che rende sempre più difficile reperire risorse, - ha spiegato Maria Lazzarato, il direttore generale dell'Ausl di Imola  - rappresenta un prezioso sostegno alla cittadinanza, rafforzando un servizio indispensabile quello dell'emergenza territoriale. Ringrazio di cuore, a nome dell'azienda che rappresento il sig.re Polvani e la moglie Mafalda di questo importante gesto ».

 "Un gesto di grande generosità,  - ha osservato il Vicesindaco Roberto Visani - che ci auguriamo possa essere d'ispirazione e di esempio per tutta la comunità non solo locale, soprattutto in un periodo di crisi di valori come quello che stiamo vivendo. Un grande gesto di umanità, da parte del sig.re Polvani e della moglie che denota grande sensibilità e attenzione per l'intera comunità."

Nel particolare si tratta di  un  Nuovo Peugeot Boxer 180 Cv, allestito come ambulanza di soccorso, sulle fiancate laterali di sinistra e destra dell'ambulanza è stata posta la dicitura "donata da Mafalda Marocchi e Omero Polvani".

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO