1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina
in foto il gruppo di amici e famigliari ed il Dr Bacchilega
in foto il gruppo di amici e famigliari ed il Dr Bacchilega

“Danilo, Luca, Nikos: un’amicizia che continua”. Nel ricordo dei ragazzi una nuova donazione all’AUSL di Imola

Si è disputato mercoledì 14 luglio a Bubano il Torneo di Calcio in amichevole “Danilo, Luca, Nikos: un’amicizia che continua”, per ricordare la scomparsa di Danilo Marchesi, Luca Leonardi e Nikos Volta, tre giovani imolesi che l’11 luglio 1992 hanno lasciato famiglie e amici a causa di un drammatico incidente.
Da allora le famiglie e gli amici li ricordano ogni anno con una partita di calcio e successiva cena di raccolta fondi presso la Cittadella di Bubano. I fondi vengono poi destinati in beneficienza.
Già in passato le donazioni pervenute dal gruppo di amici e famigliari hanno consentito l’acquisto di due monitor per l’area critica e un monitor/defibrillatore per trasporti in ambulanza, attrezzature del valore complessivo di oltre 8.000 euro.
Quest’anno sarà effettuata all’Ausl di Imola una donazione di 5.000 euro, dedicati all’acquisizione di un sistema di simulazione avanzato per rianimazione neonatale. Un sistema all’avanguardia finalizzato all’addestramento e formazione del personale sanitario alle emergenze neonatali.
Presente all’evento il Direttore del DEA Dott. Igor Bacchilega “Ringrazio ancora una volta per il prezioso contributo del vostro gruppo. L’attrezzatura è composta da un manichino neonatale sul quale è possibile simulare ogni genere di manovre rianimatorie e da un monitor dei parametri vitali che può essere controllato a distanza dall’istruttore per una simulazione realistica e di altissima qualità. Il sistema di simulazione è particolarmente utile proprio in un periodo dove abbiamo assistito ad un importante turn-over del personale sanitario, in particolare con l’assunzione di numerosi giovani medici ed infermieri. Questo nuovo sistema tecnologicamente avanzato ci permetterà di potenziare i percorsi formativi del personale meno esperto e di consolidare le capacità dei colleghi più anziani. Grazie a tutti voi per aver voluto ricordare ancora una volta i vostri cari con un dono così importante e significativo per tutta la collettività.” 

 

Ultimo aggiornamento pagina:
16 Luglio 2021
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO