1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Scuola - Nuove modalità di gestione dei casi di contatto stretto scolastico

A partire dal 26 gennaio, allo scopo di rendere maggiormente puntuale la gestione dei casi di contatto stretto in ambito scolastico, il Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Ausl di Imola automatizzerà le procedure di tracciamento, invio dei provvedimenti generali alla classe, dei provvedimenti di quarantena individuale e di programmazione dei test molecolari di uscita dalla quarantena. Tale modalità prevede la collaborazione delle famiglie per la compilazione di un modulo on line ad un link che sarà comunicato ai referenti scolastici e da questi trasmessi ai genitori. Il modulo, a cui sarà associato un “codice classe”, raccoglie le informazioni necessarie per l’invio automatico dei provvedimenti individuali agli studenti.

La nuova modalità si è resa necessaria in quanto nelle ultime tre settimane il rapido aumento dei casi di positività di soggetti frequentanti l’ambito scolastico (studenti, docenti e personale scolastico) ed il progressivo concatenarsi di casi positivi emergenti, hanno grandemente rallentato la determinazione dei provvedimenti di sanità pubblica e la gestione complessiva delle numerose classi interessate.

In questo periodo di tempo, inoltre, non è sempre stato possibile inviare alle famiglie il provvedimento individuale di quarantena per il proprio figlio, né programmare tutti i tamponi nei tempi indicati, stante la necessità di garantire prioritariamente i tamponi di diagnosi per persone sintomatiche, ricoverate o più fragili. Con l’avvio della convenzione che permette l’esecuzione di tamponi in farmacia e l’ampliamento strutturale del drive through dell’Ospedale Nuovo di Imola che permetterà un ampliamento delle capacità aziendali di testing, nelle prossime settimane l’Azienda Usl potrà con maggiore tempestività programmare i tamponi per i frequentanti l’ambito scolastico, in particolare per i bimbi dei servizi educativi 0-6 anni. Salvo questa categoria dei più piccoli, resta ferma la possibilità di usufruire del tampone di chiusura quarantena in farmacia secondo le indicazioni regionali. I genitori che preferiscono usufruire di questa opportunità, non dovranno portare il loro figlio anche all’appuntamento per il molecolare, inviato loro dall’AUSL di Imola via SMS.

Con il supporto fondamentale dei dirigenti e dei referenti scolastici degli Istituti, che si sono impegnati con grande senso di responsabilità e solerzia durante tutta la pandemia, ma in particolare in queste ultime settimane, si provvederà inoltre, nei prossimi giorni, a recuperare l’invio dei provvedimenti arretrati, in modo da garantire ai genitori di ottenere comunque i permessi INPS per la quarantena effettuata dal figlio.

Restano valide le disposizioni attualmente vigenti che, dal punto di vista delle misure didattiche, sono immediatamente messe in atto dalle scuole nel momento in cui vengono a conoscenza dei casi di positività. L’Azienda USL provvede poi ad inviare la comunicazione delle misure sanitarie da applicare alla classe ed i provvedimenti di quarantena individuali per ciascun alunno, laddove previsto.


Rammentiamo in sintesi le regole applicate per assistiti ed Istituti scolastici del Circondario Imolese e che seguono le indicazioni della nota ministeriale congiunta “nuove modalità di gestione dei casi di positività all’infezione da SARS-CoV-2 in ambito scolastico – art. 4, del decreto-legge 7 gennaio 2022, n. 1 – prime indicazioni operative” dell’8 gennaio scorso :

- per i servizi educativi 0-6 anni (nidi e materne): anche 1 solo caso positivo nella sezione comporta la quarantena per 10 giorni dei bambini. Al termine della quarantena i genitori dei bambini ricevono un SMS con l’appuntamento per il tampone molecolare di chiusura. In questo caso è l’Azienda Sanitaria che programma il tampone molecolare.
E' comunque possibile usufruire gratuitamente del test antigenico in farmacia qualora l'Azienda Sanitaria non invii l'appuntamento per il molecolare in tempo utile.


- per le scuole primarie (elementari) :
1 solo caso di positività in classe determina la sorveglianza sanitaria con didattica in presenza e programmazione di un tampone molecolare intermedio da parte della Ausl di Imola;
2 o più casi positivi producono una quarantena di 10 giorni per gli studenti, i genitori dei bambini ricevono al termine un SMS con l’appuntamento per il tampone molecolare di chiusura, ma è comunque possibile scegliere di effettuare gratuitamente in farmacia il test rapido in decima giornata, presentando il provvedimento individuale di quarantena inviato ad ogni singola famiglia.


- per le scuole secondarie di primo e secondo grado (medie e superiori),
1 solo caso di positività definisce l’auto-sorveglianza dei sintomi di 5 giorni, con attività didattica in presenza ed obbligo di indossare per 10 giorni la mascherina FFP2. Chi è soggetto ad auto-sorveglianza dei sintomi non ha obbligo di effettuare test per la ricerca di Sars-Cov-2. Qualora insorgessero sintomi compatibili con infezione da Covid dovrà isolarsi e contattare il medico curante per la prenotazione di un tampone molecolare presso la Ausl (non in farmacia).
2 casi positivi definiscono disposizioni differenziate a seconda dello stato vaccinale.
I non vaccinati, vaccinati con una sola dose (o con seconda dose effettuata da meno di 14 giorni) ed i vaccinati con ciclo completo da oltre 120 giorni sono soggetti a quarantena di 10 giorni e tampone di fine quarantena da effettuarsi anche in farmacia, presentando il provvedimento individuale di quarantena;
i vaccinati con 3 dosi o vaccinati con ciclo base completo o guariti da meno di 120 gg. (4 mesi) sono in regime di autosorveglianza dei sintomi per 5 giorni (potranno proseguire le proprie attività indossando per 10 giorni la mascherina FFP2).
Gli alunni in auto-sorveglianza svolgono attività didattica in presenza; gli alunni soggetti a quarantena svolgono attività didattica a distanza.

3 casi positivi ed oltre, definiscono attività didattica a distanza per tutti gli studenti, ma le misure sanitarie sono ulteriormente differenziate per stato vaccinale, come segue:
non vaccinati, vaccinati con una sola dose o con seconda dose effettuata da meno di 14 giorni, sono soggetti a QUARANTENA di 10 giorni e tampone di fine quarantena da effettuarsi in farmacia presentando il provvedimento individuale di quarantena;
vaccinati con ciclo base completo ossia con 2° dose effettuata da più di 120 gg. (4 mesi) o guariti da più di 120 gg. (4 mesi) sono soggetti a QUARANTENA di 5 giorni e tampone di fine quarantena da effettuarsi in farmacia presentando il provvedimento individuale di quarantena;
i vaccinati con 3 dosi o vaccinati con ciclo base completo e 2° dose effettuata da meno di 120 gg. (4 mesi) o guariti da meno di 120 gg. sono in regime di auto-sorveglianza dei sintomi per 5 giorni (potranno proseguire le proprie attività indossando per 10 giorni la mascherina FFP2).


In tutte le situazioni scolastiche, qualora non venga effettuato un tampone di chiusura quarantena, gli studenti asintomatici possono essere riammessi a scuola al quindicesimo giorno.


Si ricorda che nelle scuole secondarie di primo e secondo grado, le famiglie possono decidere di effettuare un tampone antigenico di controllo (non chiusura quarantena) una tantum in farmacia, che viene erogato gratuitamente con la prescrizione del medico di medicina generale o del pediatria di libera scelta a carico della struttura commissariale.
I guariti dal Covid di recente non devono mai ripetere il test per la ricerca di SARSCov-2 nei 4 mesi successivi alla data di inizio sintomi o del primo referto positivo e non saranno sottoposti alla misura sanitaria di quarantena.


Ultimo aggiornamento pagina:
28 Gennaio 2022
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO