1. Ausl Imola

  2. Vai ai contenuti
  3. Vai al menu principale
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

ESTETICAMENTE DAY HOSPITAL: DOPO LA PAUSA FORZATA CAUSA COVID 19 TORNA IL PROGETTO DEDICATO ALLE DONNE DEL DAY SERVICE ONCOLOGICO

L’iniziativa si concluderà a dicembre 2023 e avrà cadenza mensile (indicativamente il primo lunedì pomeriggio di ogni mese).

Primo giorno per il progetto “Esteticamente Day Hospital”: dopo la pausa forzata causa Covid 19 questo pomeriggio è ripartita l’iniziativa che si concluderà a dicembre 2023 e avrà cadenza mensile (indicativamente il primo lunedì pomeriggio di ogni mese).
Gli incontri sono gratuiti, rivolti alle utenti del Day Service Oncologico e per iscriversi possono rivolgersi alla caposala, alle infermiere ed alle OSS del Day Service.
Il progetto è approdato a Imola nei primi mesi del 2016 prendendo spunto da esperienze già avviate in molti centri, primo tra tutti il San Raffaele di Milano con il progetto “Salute allo Specchio” secondo il metodo internazionale OTI Oncology Training International .
E’ dimostrano che con l’informazione ed il supporto alle pazienti oncologiche anche dal punto di vista estetico si può promuove benessere e qualità di vita sia prima, che durante, che dopo i trattamenti e si favorisce il mantenimento della paziente all’interno del tessuto famigliare e sociale.

Come nasce il progetto
“ Esteticamente DH” nasce da una convergenza di obiettivi e desideri di pazienti e volontari competenti, che hanno trovato nell’intera équipe medico ed infermieristico-tecnica del Day Service Oncologico un accoglimento entusiasta ed una fattiva operatività.
Questa esperienza si è sviluppata grazie all’incontro mediato dal Dr. Antonio Maestri, direttore della UOC di Oncologia, di Antonella Castelluccio e Chiara Boschieri: la prima, estetista professionista ed ex paziente del Day Service imolese; la seconda, consulente e formatrice in estetica e farmacia oncologica. Entrambe desideravano mettere a disposizione la loro professionalità per le donne che frequentano il Day Service Oncologico, per garantire loro un momento di accoglienza e di coccole, ma anche di informazione-formazione sui concetti fondamentali dell’estetica oncologica.
La perdita dei capelli, delle ciglia, delle sopracciglia, il pallore, le occhiaie, l’aumento e la perdita di peso, le ulcere, ecc… rappresentano alcuni dei principali cambiamenti a cui questi pazienti vanno incontro. In particolare, per la donna malata di cancro, tutto questo rappresenta, oltre che un’alterazione della propria immagine, la testimonianza quotidiana di una diversità, auto ed etero percepita, che può avere conseguenze significative sulla qualità della vita, generando talora vergogna, ansia, timori.

Gli obiettivi
Obiettivo fondamentale del progetto è l’azione di supporto a donne con una patologia oncologica in corso di trattamento; nello specifico, l’insegnamento di tecniche e strategie per gestire dal punto di vista estetico gli effetti collaterali delle terapie che impattano sul proprio aspetto fisico, perseguendo attraverso questa strada l’obiettivo di migliorare il benessere globale delle pazienti e la qualità di vita percepita.
Il progetto vuole quindi offrire alcuni strumenti di sostegno che possano aiutare le donne ad affrontare il periodo critico in cui si trovano e a ritrovare fiducia in se stesse e autostima, integrando all'approccio prettamente clinico e psicologico un approccio che guardi anche al benessere estetico della donna nel suo contesto di vita.

Realizzazione del Progetto
Il progetto, avviato nel 2016, si è fermato nel periodo pandemico ma da oggi riprende la sua attività.
Gli incontri si compongono di due fasi: una prima parte “frontale”, una chiacchierata in plenaria di “rieducazione cosmetologica” sulla pelle e le sue funzioni, sulle caratteristiche delle sostanze più frequentemente contenute nei prodotti per l’igiene e la cosmesi, sulla loro scelta, sull’uso corretto e sulla lettura delle etichette. A questo si aggiungono consigli pratici su come affrontare i principali effetti collaterali a carico di pelle e mucose prima, durante e dopo le terapie. Poi le donne vengono accompagnate in un piccolo ambulatorio arredato ad hoc con lettini e luci soffuse, per un massaggio viso-piedi, mentre le altre restano in aula per una lezione individuale di armocromia, supporto e consigli per il trattamento del cuoio capelluto e capelli, manicure curativa e per concludere un make-up correttivo personalizzato per valorizzarle in tutta la loro bellezza. In questo modo per ognuna è garantito un momento di trattamento e di coccole ed uno di informazione e di formazione sul prendersi cura di sé. L’idea, diffusa tra amici e colleghi, ha fatto sì che un nutrito gruppo di volontari (10 persone), professioniste/i del mondo dell’estetica (estetiste, parrucchieri, truccatrici, farmacisti, ecc…) si sono resi disponibili in questi anni con grande entusiasmo, a dare vita concretamente al progetto, che l’Azienda Usl ha supportato organizzativamente e formalizzato attraverso una convenzione annuale, anche grazie alla collaborazione dell’Azienda Servizi alla Persona.

“ Non solo un luogo di cure e momenti difficili, ma anche coccole e dolce rinascita come DONNA”;
“Per alcune ore abbiamo lasciato fuori dalla porta cattivi pensieri e paure per dedicarci a noi stesse e a farci delle coccole. E’ stato un momento per socializzare e per condividere emozioni”;
Sono solo alcuni dei commenti più significativi delle donne che hanno partecipato al progetto (in totale 209), e oggi si riparte.


 
iI gruppo "estetcamente DH"

Ultimo aggiornamento pagina:
18 Novembre 2022
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO