1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

01 Agosto 2007 - Da giugno attiva in Pedagna la 1° "Porta Medicalizzata" di Imola

Dall'inizio di giugno anche Imola ha una "porta medicalizzata" sul modello di quella castellana, già attiva da oltre 10 anni con ottimi riscontri da parte degli utenti.

E' nel quartiere Pedagna, Via Zaccherini 15/h, presso la sede della medicina di gruppo "G. Cattani" e garantisce la presenza dei medici di medicina generale 12 ore al giorno dal lunedì al venerdì. I medici di famiglia che hanno deciso di organizzarsi per garantire questa opportunità ai propri assistiti sono per ora 11: il gruppo con sede in Piazzale Michelangelo formato dai dottori Sergio Gardelli, Eros Iosa, Bruno Sandrini e dalle dottoresse Angela Cerullo e Nadia Giovannini e il gruppo "G. Cattani" formato dalle dottoresse Shirley Ehrlich e Daria Orselli, e dai dottori Angelo Conti, Gian Franco Mirri, Pierluigi Piersanti e Leonardo Zanotti.

"Grazie a questa nuova forma organizzativa - spiega la Dr.ssa Daria Orselli Referente NCP - a tutti gli assistiti di questi medici di famiglia viene data garanzia di una pronta disponibilità di un medico di medicina generale per le necessità sanitarie di lieve e media gravità per tutto l'arco diurno. Un modello di massima integrazione e sincronia della nostra attività, molto impegnativo per noi professionisti, ma che ha moltissimi vantaggi per i pazienti, non solo perché trovano il medico sempre nell'arco del giorno anche in questo periodo di ferie, ma anche perché vengono accolti da un medico che, grazie all'integrazione del sistema informatico, conosce la loro storia clinica, i loro bisogni di salute, le patologie pregresse e quindi può aiutarli al meglio. Inoltre, la gestione delle visite su appuntamento minimizza le attese, ottimizzando il tempo dei nostri pazienti, che come tutti, ne hanno sempre meno da perdere. L'ambulatorio gestito per appuntamento garantisce comunque una corsia preferenziale alle urgenze e al non programmato".

Ma in pratica come funziona questo servizio? I medici di famiglia dei due gruppi continuano a visitare nei rispettivi ambulatori garantendo l'apertura al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 12 e dalle 17 alle 20. Per i rispettivi assistiti almeno un medico del gruppo Cattani è sempre presente anche il sabato mattina dalle 8,30 alle 10, mentre per il gruppo Piazzale Michelangelo c'è una reperibilità telefonica. La novità sta nelle 5 ore dalle 12 alle 17, quando gli 11 medici, a turno, sono presenti nell'ambulatorio di Via Zaccherini 15/h per erogare un servizio di "pronta disponibilità".

"Vorrei anche ricordare a tutti gli assistiti - continua Orselli - che recarsi da un medico di famiglia che conosce personalmente o può acquisire istantaneamente la storia clinica del paziente, è davvero molto più utile, "sano" e veloce che recarsi al Pronto Soccorso, naturalmente laddove non vi sia un'emergenza. Peraltro noi medici di famiglia eroghiamo anche prestazioni di particolare impegno, che ci consentono di rispondere praticamente a tutti quei bisogni che al PS sarebbero giudicati codici bianchi (con pagamento del ticket) e verdi: coliche renali ed addominali, distorsioni, incisioni di ascessi, infiltrazioni intrarticolari, lavaggi oculari, rimozione dei tappi di cerume, flebo, endovene, e così via".

Tutto questo in attesa che su tutto il territorio aziendale si costituiscano le Case della Salute o Nuclei delle Cure primarie: soluzioni organizzative ulteriormente evolute anche rispetto alle Porte Medicalizzate, che permetteranno di integrare, in una sede fisica unica, le professionalità dei medici di medicina generale con quelle di altri operatori sanitari, quali gli infermieri, le ostetriche, i fisioterapisti ed accanto ad essi le professionalità che si occupano degli aspetti sociali e socio-sanitari dell'assistenza (assistenti sociali, educatori, operatori dell'assistenza). Il progetto aziendale prevede la costituzione di 6 Nuclei delle Cure Primarie: tre nell'ambito territoriale di Imola e Mordano; uno per il territorio di Castel San Pietro-Dozza; uno, già avviato, in Vallata, nella sede recentemente intitolata a Pietro Curialti, in Via dell'VIII Centenario a Borgo Tossignano e quello di Medicina-Castel Guelfo e Sesto Imolese, inaugurato nel novembre scorso e già attivo presso il Polo Sanitario di Via Saffi, a Medicina.




Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO