1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Consigli per i genitori

Posizione del neonato durante il sonno

Il neonato deve dormire:

  • a pancia in su,
  • su un materasso rigido, senza cuscino,
  • in un ambiente dove non si fumi (si raccomamda di non fumare in casa),
  • a temperature non superiori a 18-20° C, lontani da fonti di calore,
  • non avvolto stretto nelle coperte, né eccessivamente coperto (non coprire mai il viso).
 

Il modo ideale per cominciare l'alimentazione di un bambino è l'allattamento materno

Il latte materno è l'alimento perfetto per una buona crescita del bambino, in quanto è un alimento completo, facilmente assorbito e digerito; favorisce inoltre la sua salute, proteggendolo da diverse malattie (diarree, infezioni respiratorie e urinarie, allergie). Anche se all'inizio l'allattamento può richiedere un pò di tempo e pazienza, dopo poche settimane tutto diventa abbastanza semplice. La cosa più importante è che la madre sia consapevole che, allattando il suo bambino, sta facendo il meglio per lui e che il suo latte è sempre adeguato alle esigenze del bambino. E' però necessario, che nei primi giorni di vita, la madre apprenda ad attaccare il piccolo nella posizione corretta (deve succhiare anche parte dell'areola e non solo il capezzolo), che lo allatti spesso, senza una durata fissa della poppata, che non gli dia aggiunta di acqua e di zucchero o di latte in polvere di sua iniziativa.
Se il neonato è sano e succhia bene, è opportuno lasciare che si regoli da solo. Il neonato deve mangiare "tanto da saziarsi" e "tanto da crescere". Con il controllo della crescita settimanale si ha la migliore valutazione dello stato di salute del bambino; la crescita media è di 150-200 grammi ogni 7 giorni nei primi 3 mesi. E' necessario un controllo del Pediatra se la crescita è inferiore a 200 grammi in 15 giorni.
Durante l'allattamento la madre può mangiare liberamente, limitando gli alcolici ed evitando il fumo.

 
 

L'allattamento artificiale

Quando l'allattamento al seno non è possibile, va usato latte in polvere almeno fino ai 6 mesi di età del bambino.
Successivamente è preferibile continuare con un latte di "proseguimento", liquido o in polvere, per tutto il primo anno di vita.

 

Consigli di puericultura

BAGNETTO
Si può iniziare a fare il bagnetto quando il cordone ombelicale è caduto da alcuni giorni:

 
  • in qualsiasi momento della giornata, indifferentemente prima o dopo i pasti, anche tutti i giorni se il bambino sembra soddisfatto,
  • con acqua a 36-37° C,
  • utilizzando poco sapone neutro.
 

COLICHE
Nell'intervallo dei pasti, specie alla sera, il bambino può piangere con insistenza a causa delle coliche gassose:

  • può essere utile: coccolare il piccolo evitando di sbalottarlo, tenerlo in braccio a pancia in giù, massaggiandogli il pancino, aiutarlo a scaricarsi,
  • consultare il pediatra se le crisi di pianto durano a lungo oppure sono molto frequenti durante la giornata o rendono il piccolo molto sofferente.
 

FECI
Non preoccuparsi se le feci: sono di colore verde, se presentano grumi bianchi, se sono emesse in numerose scariche al giorno (soprattutto se il bambino è allattato al seno)

  • se il neonato è alimentato con latte materno le feci di solito sono molli, con frequenti scarichi dopo ogni pasto,
  • se il neonato è alimentato da latte artificiale, le feci di solito sono dure ed emesse con difficoltà
 

GENITALI
Il sederino va lavato preferibilmente solo con acqua ad ogni cambio di pannolino, con movimenti dall'avanti all'indietro per non portare le feci in prossimità dello sbocco da dove esce la pipì:

  • nella femmina pulire accuratamente anche la zona vulvare, tra le grandi e le piccole labbra,
  • nel maschio non abbassare la pelle sulla punta del pene,
  • ricorrere alle "salviette usa e getta" solo se ci si trova fuori casa.
 

MONCONE OMBELICALE
Cade spontaneamente entro il 20° 30° giorno di vita. Non preoccuparsi se, caduto il moncone, l'ombelico è sporgente, rientrerà col tempo spontaneamente senza necessità di fasciature.
Per evitare infezioni: detergere con alcool a 70°, quindi avvolgere il moncone con garze sterili asciutte 2-3 volte al giorno.
Consultare il pediatra se: il moncone non è caduto entro il 30° giorno e se la cute è arrossata o con pus.

 

NASO CHIUSO
Se il piccolo ha il nasino "chiuso" o è raffreddato:

  • instillare in ogni narice alcune gocce di soluzioni fisiologica più volte al dì, specie prima dei pasti; accendere l'umidificatore nella stanza dove dorme il piccolo solo se l'aria è secca a causa del riscaldamento, l'umidità relativa nell'ambiente dovrebbe essere del 40-50% (non utilizzare l'umidificatore se qualche famigliare è allergico agli acari).
 

ORECCHIE
Va pultio solo il padiglione esterno:

utilizzare una garza o un batuffolo di cotone inumidito
è sconsigliabile utilizzare i "bastoncini" specie nel condotto uditivo, perché spostano il cerume in profondità favorendo la formazione di tappi di cerume e, se il bambino si muove, possono danneggiare il timpano.

 

PASSEGGIATA
L'aria, il sole, la luce e la natura sono necessari a un bambino piccolo. Il sole attiva la vitamini D, importante per la crescita delle ossa e il mondo da scoprire è un'occasione che stimola.
Alcuni consigli:

  • preferire luoghi verdi, tranquilli e lontani da traffico,
  • scegliere le ore in cui il clima è mite,
  • uscire tutti i giorni anche d'inverno,
  • limitare le passeggiate se i livelli degli inquinamenti atmosferici della zona dove si risiede sono elevati (perché irritano gli ochhi e le vie respiratorie soprattutto nei bambini più piccoli).
 

RIGURGITO
E' normale che un neonato emetta dalla bocca piccole quantità di latte cagliato, anche più volte al dì, talvolta a distanza del pasto.
Consultare il pediatra se:

  • i rigurgiti sono molto frequenti e/o abbondanti
  • il bambino sembra molto disturbato,
  • la sua crescita non è soddisfacente.
 

SETE
Il neonato non ha necessità di bere perché il latte è già sufficientemente ricco di liquidi. Dopo il primo mese si può somministrare al bambino dell'acqua naturale se:

  • ha febbre,
  • l'ambiente è molto caldo,
  • sembra assetato (è utile ricordare che se il bambino è allattato al seno, nei primi mesi non è consigliabile utilizzare il biberon).
 

STITICHEZZA
Un neonato sano può scaricare anche ogni 3-4 giorni, specie se non è alimentato al seno.
Consultare il pediatra se:

  • il bambino non evacua da solo dopo 3 giorni,
  • la stitichezza è abituale.
 

Lo svezzamento e l'alimentazione del bambino più grande

Lo svezzamento consiste nell'introduzione di alimenti diversi dal latte, che avviene di solito tra il 5° e il 7° mese, secondo l'indicazione del Pediatra di famiglia.
Per quanto riguarda l'alimentazione del bambino più grandicello, occorre ricordare che è inutile aggiungere sale o zucchero ai cibi e che è molto importante variare gli elementi. Lasciate mangiare il bambino a tavola e abituatelo ai sapori delle verdure cotte e crude e di ogni tipo di legumi e di pesce. I legumi, nil pane integrale, la frutta fresca, sono alimenti ricchi di fibre che prevengono la stitichezza. La frutta fresca è la merenda ideale del bambino. Evitate più possibile patatine, merendine, dolciumi, bibite gasate e cibi insaccati.

 

La cura dei denti

dentista

I denti, anche quelli di latte, sono un bene prezioso da conservare con cura. Per tale motivo dovremmo prevenire la carie, che è una malattia che causa la lenta distruzione del dente e dà molti fastidi. Per prevenirla, è necessaria innanzi tutto un'accurata pulizia dei denti. Sì impedirà così la formazione della placca, cioè di quella patina molle costituita da pezzi di cibo e da batteri che danneggia i denti. Appena il bambino è in grado di farlo, in genere tra i 2 e 3 anni, abituatelo allo spazzolino e insegnategli come spazzolare i denti in maniera corretta: dalle gengive al dente, da un angolo all'altro della bocca. La pulizia deve essere fatta dopo ogni pasto. Per prevenire la carie è inoltre opportuno limitare l'uso degli zuccheri e quindi caramelle, merendine, gelati e cioccolata. Anche addolcire il ciucciotto con il miele o lo zucchero è una cattiva abitudine. Non vanno somministrate bevande zuccherate o latte ai bambini prima di dormire, se non si possono lavare i denti.

 
 

L'uso dei farmaci

I farmaci sono molto utili se assunti quando e come serve, ma possono essere molto pericolosi se presi per indicazioni inappropriate o in modo scorretto. Per tale motivo non date ai vostri bambini farmaci se non quando è il vostro Pediatra a prescriverli. Ricordate che molte malattie dei bambini passano spontaneamente con il solo riposo per qualche giorno. Inoltre si tratta spesso di patologie dovute a virus, per le quali non è al momento disponibile una cura. Non siate quindi scettici se il vostro Pediatra, alla fine della visita, non vi prescrive nessun farmaco. Ricordate inoltre che è necessario conservare i farmaci in un armadietto fuori dalla portata dei bambini

 

La prevenzione degli incidenti

mamma con bambino in braccio

In tutta l'età pediatrica, gli incidenti rappresentano un rilevante pericolo per la salute del bambino e del giovane adolescente. Nei primi anni di vita sono più frequenti gli incidenti che si verificano in casa, mentre negli anni successivi sono comuni gli incidenti per strada, in bicicletta, in motorino, in automobile. Si può rendere più sicura la propria abitazione con un salvavita ben funzionante e proteggendo le prese di corrente con gli appositi copri-prese. Farmaci e detersivi vanno tenuti lontani dalla portata dei bambini, preferibilmente in luoghi alti, inacessibili ai bambini. Va fatta attenzione anche ai cibi e all'acqua sui fornelli: i tegami vanno tenuti il più lontano possibile da dove il bambino può arrivare, evitando che i manici sporgano dai fornelli.
Occorre fare attenzione anche alla temperatura dell'acqua del bagnetto e a non lasciare mai solo il bambino nella vaschetta durante il bagno. Per quanto riguarda il trasprto in auto ricordate che il bambino piccolo (fino a 9 Kg) va trasportato su seggiolini omologati (gruppo 0) sul sedile anteriore, fatta eccezione in caso di air-bag. In questo caso il bambino va posto sullo stesso seggiolino sul sedile posteriore. Per le età successive vanno usati seggiolini omologati (gruppo I tra 9 e 18 kg, gruppo II tra 15 e 22 Kg, gruppo III tra 22 e 36 Kg) collocati sul sedile posteriore. Bambini di peso superiore a 36 Kg e di altezza superiore a 150 cm devono viaggiare sul sedile posteriore utilizzando la cintura di sicurezza.

 
 

I bilanci di salute

Sono visite periodiche che il Pediatra di famiglia esegue al bambino per seguirne l'accrescimento fisico e lo sviluppo psicomotorio e per discutere con i genitori sulle abitudini di vita, al fine di promuovere un buono stato di salute.
Sono particolarmente raccomandati i bilanci di salute alle seguenti età, da eseguirsi preferibilmente prima dell'esecuzione delle vaccinazioni:
2°-3° mese
4°-5° mese
10°-12° mese
24° mese
36° mese
5°-6° anno

 

Il gioco e il tempo libero

Si consiglia ai genitori di dedicare tempo ai bimbi, giocando con loro e leggendo loro filastrocche e favole, fin dal primo anno di vita.
Si raccomanda inoltre di avviare precocemente i bambini alle attività fisiche e agli sports, limitando il più possibile il tempo trascorso davanti alla TV e ai videogiochi.

 
papà con bambino in braccio

Ultimo aggiornamento pagina:
24 Settembre 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO