1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

03 maggio 2011 - L'Otorinolaringoiatria dell'Ausl di Imola fa scuola

Stage di un medico Brasiliano nell' Unità Operativa di otorinolaringoiatria dell'AUSL di Imola

Ancora una volta l'Otorinolaringoiatria dell'Ausl di Imola, guidata dal Prof Ignazio Tasca, fa scuola.

Dopo i successi dei corsi internazionali sulla chirurgia estetica e funzionale del naso e i ruoli di rilievo che il prof. Tasca ha ottenuto presso le più importanti Società Scientifiche internazionali del settore, il reparto castellano è diventato anche meta di stage di superspecializzazione per professionisti stranieri attratti dalla valenza riconosciuta alla nostra equipe.

Si sta infatti concludendo in questi giorni il soggiorno a Castel San Pietro Terme del Dr Fernando Mariano, otorinolaringoiatra brasiliano che ha scelto l'Unità operativa di Tasca per approfondire le proprie conoscenze in settori di eccellenza quali la chirurgia funzionale ed estetica  del naso ed il trattamento dell'apnea ostruttiva durante il sonno.

"Come dico spesso l'ORL dell'Ausl di Imola è un reparto di eccellenza a tutto tondo, si occupa cioè di tutte le patologie di interesse della disciplina otorinolaringoiatrica sia dal punto di vista clinico che chirurgico. Il naso è però indubbiamente la nostra "superspecializzazione", per cui siamo conosciuti davvero in tutto il mondo e quindi siamo molto fieri di contribuire ad "esportare" le nostre conoscenze clinico - organizzative. Oggi trattiamo i casi di chirurgia funzionale ed estetica del naso con metodiche innovative, per via endoscopica interna (quindi senza "aprire" il naso come si faceva un tempo), con un recupero molto veloce del paziente e risultati ottimali. Sempre fondamentali restano la tecnica e l'abilità manuale del chirurgo estetico, che peraltro, deve anche avere una particolare sensibilità psicologica per ottenere un risultato ottimale e personalizzato. Se l'intervento è di chirurgia estetica, esclusivamente o a completamento di quella funzionale, il chirurgo deve esprimere, insieme a quelle tecniche, anche capacità artistiche e di comprensione profonda delle motivazioni del paziente. Un mix di competenze che ci pregiamo di avere e che ci sono riconosciute anche al di fuori del nostro territorio"

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO