1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Domenica 29 maggio - Giornata Nazionale del sollievo

 In tutta Italia la prossima domenica, 29 maggio si celebra la Giornata del Sollievo, un momento di riflessione su quanto sia importante controllare il dolore, ridurre la sofferenza ed utilizzare la medicina palliativa per aiutare chi soffre.
 
In Italia i malati cronici tormentati da dolore sono circa 300 mila e sono essi i pazienti che soffrono del cosiddetto dolore benigno, ciò di un dolore che non sarà la causa della loro morte, ma che li accompagnerà fino alla fine dei giorni.

Uno dei grandi obiettivi della medicina moderna è prendersi cura della persona, anche e soprattutto quando essa non può più trarre beneficio dalle cure rivolte a combattere la causa della sua malattia. Il dolore si può considerare una malattia nella malattia, poiché peggiora la vita della persona malata con effetti negativi sul piano fisico, psicologico e relazionale. 
 
Per una maggiore diffusione della cultura e della terapia contro il dolore, nel 2010, così come indicato nell'art. 6 della legge 38/2010, è avvenuto anche il passaggio da "Ospedale senza dolore" a "Ospedale - Territorio senza dolore": questa trasformazione ha spostato il baricentro dell'assistenza sul territorio, demandando alla struttura ospedaliera la gestione dei casi complessi e coinvolgendo nel processo assistenziale la figura del medico di medicina generale, introducendo l'importante concetto di rete assistenziale anche nel campo della lotta al dolore.
 
In occasione di questo evento tutti i reparti del Presidio Ospedaliero e l'assistenza domiciliare territoriale dell'Ausl di Imola, nella giornata del 25 maggio somministreranno ai pazienti un semplice questionario regionale sul dolore percepito nel corso della presa in carico da parte dei servizi.

I cittadini del nostro territorio che volessero informazioni sul dolore o sulle terapie antalgiche potranno chiamare l'Ufficio Relazioni con il Pubblico (0542/604121).

 
 
 
 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO