1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Profilo Aziendale

Impatto sul contesto territoriale

Impatto economico

L'AUSL di Imola, nel 2011, offre direttamente occupazione a 1.781 persone, alle quali vanno aggiunti i medici convenzionati (169) e il personale con contratto libero professionale e atipico (29), per un totale di 1.979 occupati (si rimanda alla Sezione 4 per un dettaglio sul Personale aziendale). Il monte salari e i compensi erogati complessivamente al personale dipendente e convenzionato risultano pari a circa € 102 milioni, ponendo l'azienda in posizione di preminenza sul locale mercato del lavoro e più in generale sul sistema economico/produttivo del territorio.
La Tabella 2.12 mostra la distribuzione dei dipendenti per ruolo e residenza, con evidenza della quota di dipendenti (circa l'80%) residente nel Nuovo Circondario Imolese.

 
Tabella 2.12 - Dipendenti della AUSL di Imola per ruolo e % dei residenti nel territorio circondariale
Tabella 2.12 - Dipendenti della AUSL di Imola per ruolo e % dei residenti nel territorio circondariale
 

Sulla base dei dati di Union Camere Emilia Romagna gli occupati del Circondario Imolese vengono stimati in 47.939 (giugno 2011). Il personale aziendale risulta essere il 4% dell'occupazione complessiva sul territorio imolese. Inoltre, dei 1.781 dipendenti, 68 appartengono a categorie protette. Al dato riguardante i dipendenti dell'AUSL di Imola va aggiunto l'indotto generato su imprese del territorio in ordine alla rilevante mole di risorse economiche gestite (oltre 200 milioni di euro/anno di sola spesa corrente) e per la significativa quota di attività esternalizzate. A tal proposito si segnalano alcuni elementi utili a delineare l'impatto economico dell'AUSL di Imola rispetto al territorio:

 
  • un totale di 925 fornitori, dei quali 384 con sede in Emilia Romagna, numero che ricomprende 118 fornitori con sede nel Circondario Imolese (12,7%);
  • una spesa, nell'anno 2011, per servizi esternalizzati (alberghieri, tecnici, manutenzione, ausiliari di supporto e per affidamenti di servizi socio-sanitari) di circa € 12.700.000, che dà occupazione a circa 400 addetti;
  • nell'ambito dei servizi esternalizzati sono stati affidati appalti a cooperative sociali di tipo A e tipo B per un importo annuo di circa € 4.080.000.
 

Impatto sociale

Donazioni

I cittadini del territorio Imolese hanno sempre dimostrato particolare sensibilità al tema della salute pubblica, partecipando e sostenendo concretamente lo sviluppo dei servizi.
Nel 2011, l'AUSL di Imola, ha registrato un considerevole numero di donazioni da parte di cittadini, imprese ed istituti bancari per un valore complessivo di circa € 800.000, testimonianza di particolare sensibilità e fiducia verso il settore sanitario. Le donazioni dei cittadini in denaro sono state pari a € 100.000, mentre ammonta a circa € 180.000 il valore delle donazioni in beni (arredi, piccoli elettrodomestici e presidi vari).
I contributi di Fondazioni, Istituti Bancari ed Aziende del territorio, per attrezzature sanitarie e per finanziare particolari progetti, ammontano a oltre € 500.000 (Tabella 2.13).

 
Tabella 2.13 - Lasciti, donazioni e contributi verso l'AUSL di Imola. Periodo 2009-2011
Tabella 2.13 - Lasciti, donazioni e contributi verso l'AUSL di Imola. Periodo 2009-2011
 

Il grafico che segue rappresenta l'orientamento delle donazioni in denaro effettuate dai cittadini, con evidenzia della particolare sensibilità verso la lotta contro i tumori e l'oncologia in generale.
Anche nel 2011 è stato significativo il contributo da parte dei vari soggetti istituzionali allo sviluppo tecnologico dell'azienda tramite la donazione di nuove e moderne attrezzature.
Ciò è stato possibile grazie all'impegno di Istituzioni e Imprese locali quali: Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e Cassa di Risparmio di Imola, Gruppo Banca Popolare di Lodi, Fondazione Cassa dei Risparmio di Ravenna, SACMI.

 
Grafico 2.14 - Distribuzione per servizio delle donazioni in denaro da parte dei cittadini. Anno 2011
Grafico 2.14 - Distribuzione per servizio delle donazioni in denaro da parte dei cittadini. Anno 2011
 

Va segnalato, inoltre, il finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola e Cassa di Risparmio di Imola di circa € 100.000, per l'invio dei referti a domicilio e un finanziamento dell'Associazione "Io vivrò Gianluca Fantelli" per un progetto sulla SLA. In Tabella 2.15 si riporta l'elenco delle principali attrezzature sanitarie donate ai servizi dell'AUSL di Imola. 

 
Tabella 2.15 - Distribuzione per servizi delle attrezzature donate da soggetti istituzionali. Anno 2011
Tabella 2.15 - Distribuzione per servizi delle attrezzature donate da soggetti istituzionali. Anno 2011
 

Impatto ambientale

L'AUSL di Imola ha posto particolare attenzione, negli ultimi anni, agli aspetti inerenti l'impatto ambientale ed in particolare all'uso razionale dell'energia, allo smaltimento dei rifiuti e alla mobilità. Di seguito si descrivono le principali azioni ed i risultati in riferimento al 2011. 

 

Politiche per l'uso razionale dell'energia ed il rispetto ambientale

E' continuata la campagna di sensibilizzazione denominata "Io spengo lo spreco" rivolta agli operatori per promuovere un corretto e più razionale uso dell'energia. E' proseguita la sistematica rilevazione dei consumi riguardanti utenze gas, energia elettrica, acqua potabile e teleriscaldamento, utile anche ad assolvere annualmente alle norme in materia di ricognizione delle risorse energetiche richieste a questa amministrazione dal Ministero della Salute, Regione Emilia Romagna e FIRE.
Nell'ambito delle politiche energetiche l'azienda ha aderito alla convenzione fra l'agenzia regionale Intercent-ER e la società HERACOMM per la fornitura di energia elettrica e alla convenzione per l'acquisto del Gas Metano sul libero mercato fra l'agenzia regionale Intercent-ER e la società HERACOMM. E' stata monitorata e verificata con esito positivo l'applicazione del protocollo siglato nel 2010 con il fornitore unico HERA SPA per il prezzo del teleriscaldamento, che ha previsto benefici in termini tariffari (abbassamento dei prezzi unitari e dei canoni base) a fronte di azioni virtuose in termini di prelievo di energia termica in specifiche fasce orarie.

 

Gestione dei rifiuti sanitari

Sono proseguite le attività di formazione/informazione capillare verso tutti i dipendenti dell'azienda per completare la corretta identificazione dei rifiuti prodotti e le relative tecniche di smaltimento, descrivere la rete integrata di intervento che viene adottata per lo smaltimento dei rifiuti sanitari, favorire in via prioritaria la prevenzione e la riduzione della produzione di rifiuti attraverso il reimpiego, il riciclaggio e il recupero, ottimizzando la raccolta, il trasporto e lo smaltimento. In questa ottica l'azienda ha elaborato un opuscolo informativo "Il rifiuto: dove lo metto?" per una corretta raccolta e gestione differenziata dei rifiuti prodotti in area sanitaria, con successiva distribuzione presso le Unità operative. Si evidenza rispetto all'anno precedente: la diminuzione dei rifiuti pericolosi a rischio infettivo da kg 156.769 a Kg 136.704 è stata pari a -12,7%; la diminuzione della produzione di farmaci scaduti da Kg 652 a Kg 466 è stata pari a -28,5%; una maggiore produzione di rifiuti liquidi pericolosi, da kg 37.551 a kg 39.732 pari ad un aumento del 5,8%, riconducibile all'utilizzo di una nuova strumentazione presso l'Anatomia Patologica che ha comportato un maggior numero di lavaggi per ciclo di produzione.

 

Piano della Mobilità aziendale

Per incentivare l'uso dei mezzi pubblici da parte dei dipendenti nel tragitto casa-lavoro è proseguita la convenzione ATC per fornire abbonamenti a prezzo agevolato. E' stata stipulata una convenzione con un rivenditore locale per l'acquisto di biciclette a prezzi scontati per i dipendenti e con Area Blu per l'utilizzo di bici-sharing di "Imola in Bici". Sono state acquistate 5 biciclette distribuite ad altrettanti servizi aziendali e messi in uso depositi sicuri e chiusi per le biciclette e aggiunti moduli con rastrelliera e tettoia presso i due presidi ospedalieri.


Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO