1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza dell'organizzazione

Formazione

L'attività formativa, nel 2011, in linea con il Piano di sviluppo aziendale, è stata focalizzata su alcune aree tematiche individuate come prioritarie dal Collegio di Direzione, riguardanti:

 
  • la gestione integrata delle patologie croniche prevalenti (scompenso cardiaco, BPCO, diabete, ipertensione).
  • L'approccio assistenziale alle patologie dell'anziano.
  • Il rinnovamento dell'area oncologica e delle cure palliative.
  • Lo sviluppo del percorso nascita.
  • Lo sviluppo dell'area pneumologia.
  • La messa in rete dei laboratori (laboratorio analisi, Medicina Trasfusionale, Genetica, Anatomia Patologica).
  • Completare i percorsi di Accreditamento.
  • Implementare l'applicazione della normativa in termini di sicurezza sul lavoro e l'applicazione della gestione del rischio.
  • Sostenere l'applicazione del modello organizzativo per gradualità delle cure.
  • Sviluppare l'accoglienza all'interno dei servizi/UU.OO.
 

Unitamente alle linee strategiche la formazione è stata un'equa distribuzione dei crediti ECM tra i diversi operatori afferenti ai Dipartimenti, nonché si è perseguita una maggiore diversificazione delle tipologie (residenziale, sul campo, mista, FAD) in relazione agli obiettivi specifici delle singole iniziative. Contestualmente il Collegio di Direzione ha validato i criteri di assegnazione del budget della formazione da assegnare ai Dipartimenti.

 

Pianificazione dell'attività formativa

Il Piano della Formazione (PAF) rappresenta lo strumento principale di programmazione annuale delle attività formative per il sistema di governo della Formazione, in quanto valorizza la formazione in funzione degli obiettivi strategici, del modello organizzativo e delle esigenze collettive ed individuali del personale. Elaborato contestualmente al processo di budget il PAF è predisposto dal Collegio di Direzione ed è composto dall'analisi dei bisogni formativi delle figure professionali, dalla definizione degli obiettivi prioritari e dalla descrizione di strategie e azioni previste sotto il profilo della progettazione, erogazione e valutazione degli effetti rispetto agli obiettivi iniziali. Contiene, altresì, la formalizzazione del budget delle risorse economiche da dedicare, gli orientamenti gestionali e le finalità di seguito elencate:

 
  • integrare la programmazione formativa con le strategie dell'azienda e le politiche di gestione;
  • programmare la formazione in sintonia e coerenza ai processi di innovazione tecnologica e clinico-organizzativa;
  • permettere una visione organica delle risorse/attività;
  • governare le spinte dei diversi attori coinvolti;
  • selezionare correttamente i partecipanti alle attività formative per un utilizzo razionale e mirato delle risorse;
  • supportare il processo di monitoraggio e valutazione gestionali per migliorare la successiva programmazione.
 

Tipologie delle attività di formazione

La formazione residenziale interna è rappresentata da tutti gli eventi progettati, gestiti, realizzati e valutati all'interno dell'azienda. L'AUSL di Imola privilegia tale tipologia di formazione, per le tematiche possibili, promuovendo anche la collaborazione tra aziende. Particolarmente significativa, su mandato della Direzione Operativa dell'Area Vasta Emilia Centro, è il proseguimento dell'esperienza avviata nel 2010 relativamente alla definizione dei bisogni formativi trasversali di Area Vasta degli operatori afferenti ai Dipartimenti Amministrativi e la successiva realizzazione degli eventi formativi distribuiti equamente a livello periferico dalle aziende sanitarie di riferimento. Sono ricompresi in questa tipologia formativa: i corsi, i convegni, i congressi, le conferenze, le giornate di studio e i seminari. Nel 2011 l'azienda ha realizzato 181 corsi di formazione interna rivolti ai propri dipendenti.

La formazione esterna si connota come una "modalità complementare" per i casi in cui il fabbisogno non sia intercettato da attività formative interne o perché particolarmente specialistico o per il limitato numero di dipendenti da coinvolgere. Tale modalità comporta la partecipazione individuale a iniziative di aggiornamento organizzate da terzi, nelle stesse forme di: corsi, convegni, congressi, seminari, ecc.. Le iniziative esterne si distinguono in "aggiornamento obbligatorio", nei casi in cui prevale l'interesse dell'azienda, e "aggiornamento facoltativo" nei casi in cui prevale l'interesse del singolo operatore. Nel corso dell'anno sono state 1.418 le occasioni di aggiornamento esterno fruite dai dipendenti.

La formazione sul campo si realizza contestualmente all'attività lavorativa mediante esperienze on the job, che modificano e arricchiscono le pratiche e le prassi. Rientrano in tale tipologia - e possono pertanto essere valorizzate anche con il rilascio di crediti ECM - i gruppi di miglioramento, le partecipazioni ai Comitati, gli audit clinici e organizzativi, gli addestramenti, le partecipazioni a ricerche. Il Sistema ECM approvato dalla RER sostiene la valorizzazione di tale tipologia di formazione come elemento essenziale dei processi di Formazione Continua. Nel 2011 l'AUSL di Imola ha potenziato questa formazione realizzando 65 iniziative di formazione sul campo.

La formazione a distanza (FAD) riguarda tutte le modalità con cui le attività ECM possono essere trasmesse da utenti localizzati in sedi diverse da quelle in cui opera il docente/formatore. Queste sedi sono di solito molteplici e la fruizione può essere individuale o a gruppi e avviene in tempi diversi dalla docenza, scelti singolarmente da ogni utilizzatore. L'AUSL di Imola è membro del Consorzio MED3, insieme alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università di Bologna, al Cineca, alle aziende USL e Ospedaliera di Bologna e all'Istituto Ortopedico Rizzoli.
Nel 2011 sono state circa 340 le occasioni fruite di frequenza ai corsi FAD per un totale di 5.085 crediti ECM maturati e con una stima di costi "evitati", rispetto alle tradizionali modalità operative, pari ad € 90.206, come rappresentato in Tabella 4.14.

 
Tabella 4.14 - Figure professionali che hanno partecipato ad iniziative FAD. Anno 2011
Tabella 4.14 - Figure professionali che hanno partecipato ad iniziative FAD. Anno 2011
 

Attività formativa "in cifre"

L'AUSL di Imola, nel 2011, ha realizzato 187 iniziative formative rivolte al personale dipendente (116 residenziali, 65 di formazione sul campo, 6 FAD) che hanno dato origine a 397 edizioni, di cui 375 accreditate presso la Commissione Regionale ECM.
In totale sono state frequentate 33.486 ore di formazione per i corsi interni aziendali e sono state erogate circa 1.962 ore di docenza svolte da dipendenti nei percorsi di formazione residenziale. Presso la Commissione Regionale ECM sono stati accreditati 25 eventi progettati dall'Agenzia Sanitaria Sociale Regionale e da altri settori della Regione. L'AUSL di Imola ha inoltre realizzato 6 corsi, dedicati a cittadini del territorio, riguardanti i temi della sicurezza sviluppati su 26 edizioni.

 
Tabella 4.15 - Iniziative formative realizzate. Anno 2011
Tabella 4.15 - Iniziative formative realizzate. Anno 2011
 

Sono state realizzate, inoltre, 7 iniziative formative che hanno dato luogo a 18 edizioni rivolte al personale convenzionato (MMG, Sumaisti, Guardia Medica), accreditate presso la Commissione e una presenza complessiva di 745 partecipazioni.
Nell'anno in esame gli operatori soggetti a obbligo ECM risultano 1.174 dipendenti e 168 medici convenzionati (Tabella 4.16). A seguito della attività formativa realizzata il "monte crediti" prodotto è stato pari a 37.195 e complessivamente il monte crediti registrato derivante anche da partecipazione ad attività di formazione esterna obbligatoria o frequentata a titolo personale, pari a 51.248 con un pro-capite medio per dipendente con obbligo ECM di 40, in linea con le indicazioni fornite ex ante dal Collegio di Direzione. Rispetto al 2010 il "monte crediti" prodotto da attività di formazione interna ha registrato un incremento pari al 10% (2010: 33.780 vs 2011: 37.195); se si considera tutta l'attività di formazione realizzata, a confronto, l'incremento risulta ancor più significativo: + 21% (2010: 42.257 vs 2011: 51.248).

 
Tabella 4.16 - Crediti ECM acquisiti nell'AUSL di Imola. Anno 2011
Tabella 4.16 - Crediti ECM acquisiti nell'AUSL di Imola. Anno 2011
 

In Tabella 4.17 si riportano i crediti ECM maturati nel 2011, scomposti per profili professionali e grado di copertura rispetto al valore teorico atteso.  

 
Tabella 4.17 - Grado di copertura ECM nell'AUSL di Imola. Anno 2011
Tabella 4.17 - Grado di copertura ECM nell'AUSL di Imola. Anno 2011
 

I dati relativi agli incarichi didattici assegnati nel 2011 per la realizzazione delle varie iniziative sono (Tabella 4.18): 158 dipendenti per incarichi di docenza di formazione continua; 145 a cui per funzioni di tutoring per la formazione continua e iniziative di formazione sul campo; 141 gli incarichi di docenza/relatore e tutoraggio a professionisti esterni.

 
Tabella 4.18 - Incarichi didattici nell'ambito della Formazione Continua. Anno 2011
Tabella 4.18 - Incarichi didattici nell'ambito della Formazione Continua. Anno 2011
 

Alla formazione organizzata e gestita dall'AUSL di Imola ha partecipato, oltre al personale dipendente e convenzionato, anche personale esterno per un totale di crediti pari a 4.499.
In Tabella 4.19 viene riportato il budget riferito all'attività formativa per il 2011, così come fissato dal Collegio di Direzione e nel rispetto della L. 122/2010, che ha previsto, nell'ambito del contenimento della spesa pubblica, una riduzione per le attività formative.

 
Tabella 4.19 - Budget  per la Formazione dell'AUSL di Imola. Anno 2011
Tabella 4.19 - Budget per la Formazione dell'AUSL di Imola. Anno 2011
 

Complessivamente nel 2011, rispetto ai previsti € 165.951, sono stati utilizzati € 152.115 da Fondo aziendale stanziato per la formazione e ulteriori € 88.553 da Fondi vincolati per un totale di € 240.668. La ripartizione delle spese tra le Strutture aziendali, suddivisa tra formazione interna ed esterna, è rappresentata in Tabella 4.20.

 
Tabella 4.20 - Spesa per la Formazione dell'AUSL di Imola. Anno 2011
Tabella 4.20 - Spesa per la Formazione dell'AUSL di Imola. Anno 2011
 

La spesa per la Formazione interna dei Medici convenzionati è stata pari a € 11.578,00. Per quanto riguarda la ricaduta "gestionale", oltre agli strumenti consolidati in azienda circa il livello di apprendimento e crescita professionale, viene messa a disposizione della Direzione aziendale e delle Direzioni di dipartimento adeguata reportistica relativa a: andamento economico del budget assegnato, con il dettaglio della spesa per iniziative esterne e interne; numero crediti ECM acquisiti da parte dei dipendenti; monte ore registrato con causale "presenza in Formazione" (interna ed esterna); gradi di realizzazione del PAF e di assorbimento del budget specifico dipartimentale; dettaglio delle iniziative interne realizzate o frequentate e delle partecipazioni a iniziative esterne, per singolo professionista.


Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO