1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Condizioni di lavoro, competenze del personale ed efficienza dell'organizzazione

Struttura delle relazioni col personale e sue rappresentanze

Compatibilità tra vita lavorativa e vita familiare

Il numero dei dipendenti part-time - che ha registrato nel 2008 un picco di 10 unità rispetto ad una sostanziale stabilizzazione dal 2004 al 2007 in poco meno di 190 (Grafico 4.21) - nel 2011 risulta in lieve calo sui valori dell'anno precedente. Già dalla data di entrata in vigore delle previsioni, di cui all'art. 73 del D.L. 112/2008, l'azienda ha subordinato i passaggi a part time alla valutazione delle esigenze di servizio, eliminando ogni automatismo nella trasformazione.
Inoltre, con l'introduzione delle disposizioni dell'art.16 della L. 183/2010, è stata colta l'opportunità di sottoporre a nuova valutazione i provvedimenti di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, adottati prima dell'entrata in vigore del D.L. 112/2008, con l'obiettivo di affrontare le criticità emerse nel tempo e comunque apponendo un termine di scadenza biennale ai contratti; ciò al chiaro e dichiarato fine di poter procedere, con tale congrua cadenza temporale, alle valutazioni di compatibilità, da un lato, tra posizioni di lavoro a tempo parziale in essere ed interesse organizzativo della parte datoriale in continua mutazione, dall'altro, in via comparativa, tra posizioni in essere già coperte da chi ha beneficiato della trasformazione ed esigenze di altri lavoratori dipendenti, che aspirano, avendone titolo a detto beneficio in presenza di oggettive esigenze.

 
Grafico 4.21 - Numero di part-time attivati dal 2002 al 2011 nell'AUSL di Imola
Grafico 4.21 - Numero di part-time attivati dal 2002 al 2011 nell'AUSL di Imola
 

* Dato al 31/12 dell'anno di riferimento
 
In Tabella 4.22 si mostrano i dipendenti con part-time suddivisi per categoria, genere e tipologia (ciclico, orizzontale e verticale).

 
Tabella 4.22 - Numero part-time nell'AUSL di Imola, aggregati per tipologia e genere. Anno 2011
Tabella 4.22 - Numero part-time nell'AUSL di Imola, aggregati per tipologia e genere. Anno 2011
 

In Tabella 4.23 si riporta il numero degli accessi ai congedi parentali e per assistenza a familiare (L. 104/92) fruiti prevalentemente da personale femminile. Il confronto tra i due anni, evidenzia un deciso aumento degli accessi ai congedi parentali ed alla L. 104/92 per assistenza a familiare.

 
Tabella 4.23 - Accesso ai congedi parenterali e assistenza familiare. Anni 2010 e 2011
Tabella 4.23 - Accesso ai congedi parenterali e assistenza familiare. Anni 2010 e 2011
 

Facilitazioni per i dipendenti

 Nella Intranet aziendale, sezione "Per i dipendenti", si può trovare tutto ciò che riguarda le Convenzioni, il Servizio di Mensa aziendale (interna o allargata mediante utilizzo buoni pasto presso esercizi convenzionati), la Biblioteca (che consente di accedere al testo pieno delle risorse elettroniche della Biblioteca Medico Scientifica, anche da postazioni esterne alla rete aziendale), le Organizzazioni Sindacali e i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RSL), nonché la nuova pagina dedicata al Comitato Unico di Garanzia (CUG). Tale Comitato, costituito in agosto, ha il compito di: assicurare parità e pari opportunità di genere, rafforzando la tutela dei lavoratori e delle lavoratrici; garantire l'assenza di qualunque forma di violenza morale o psicologica e di discriminazione, diretta e indiretta, relativa al genere, all'età, all'orientamento sessuale, alla razza, all'origine etnica, alla disabilità, alla religione e alla lingua; favorire l'ottimizzazione dell'organizzazione del lavoro, migliorando l'efficienza delle prestazioni lavorative, in un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità e dal benessere organizzativo. Al Comitato sono attribuiti tutti i compiti propositivi, consultivi e di verifica, in ordine all'ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico, al miglioramento dell'efficienza delle prestazioni collegata alla garanzia di un ambiente di lavoro caratterizzato dal rispetto dei principi di pari opportunità, di benessere organizzativo e dal contrasto di qualsiasi forma di discriminazione e di violenza morale o psichica per i lavoratori. Il CUG è pertanto organismo di tutela e l'Amministrazione è tenuta a consultarlo.
Nell'Intranet aziendale è stato, in oltre, creato un forum dove ogni dipendente può scrivere, anche in forma anonima, suggerimenti, proposte, segnalazioni di disagio personale o riguardanti il contesto lavorativo e la sua organizzazione.
Nel corso del 2011 l'azienda ha portato avanti una serie di progetti che hanno avuto come obiettivo principale la riduzione delle comunicazioni cartacee attraverso l'introduzione di strumenti di carattere informatico, come la nuova modalità per i dipendenti di consultare e scaricare il cedolino stipendiale, il CUD e il cartellino orario dalla intranet aziendale e da internet tramite la sezione "Portale web per i dipendenti". L'accesso è riservato ai dipendenti e le modalità di autenticazione prevedono  l'inserimento della matricola e di una password.
Inoltre, sempre collegandosi alla medesima pagina di consultazione, i Responsabili potranno reperire una serie di report relativi allo straordinario, ferie fruite e residue, assenze  del personale della propria struttura che possono risultare utili nell'attività di programmazione interna.
Altra innovazione, attivata al momento solo in alcuni dipartimenti aziendali, riguarda la possibilità per i dipendenti di inoltrare le richieste/autorizzazioni di ferie o di mancata timbratura via web.
Presso l'Ospedale Nuovo è stato creato un parcheggio dedicato ai dipendenti/convenzionati con 130 posti il cui accesso è disciplinato da apposita sbarra azionabile con l'utilizzo del badge. In questo modo si è data una risposta alla necessità di accedere con più rapidità al luogo di lavoro.

 

Relazioni sindacali

Le Relazioni con il personale dipendente sono curate con costante impegno e disponibilità al fine di consolidare un proficuo sistema di relazioni con le sue rappresentanze (RSU o RLS) e con le Rappresentanze Sindacali dei vari tavoli di confronto, pur nella precisa distinzione dei ruoli e delle responsabilità, per il raggiungimento di intese utili a migliorare l'efficacia e l'efficienza dei servizi e le condizioni di lavoro dei dipendenti. In Tabella 4.24, si elencano le sigle sindacali presenti in azienda.

 
Tabella 4.24 - Sigle sindacali presenti nell'AUSL di Imola per aree contrattuali
Tabella 4.24 - Sigle sindacali presenti nell'AUSL di Imola per aree contrattuali
 

L'azienda, da sempre, assicura un sistema di relazioni sindacali orientato alla collaborazione, alla partecipazione e al coinvolgimento che, in alcuni casi, ha portato ad attivare un "confronto" con le OO.SS. anche su materie non strettamente obbligatorie. Nel 2011 l'attività di contrattazione integrativa svolta (circa 22 incontri) ha portato alla sottoscrizione degli accordi riportati nella tabella che segue.

 
Tabella 4.25 - Accordi siglati dall'AUSL di Imola e dalle OO.SS. Anno 2011
Tabella 4.25 - Accordi siglati dall'AUSL di Imola e dalle OO.SS. Anno 2011
 

Anche durante il 2011, il confronto con le rappresentanze del personale delle due Aree dirigenziali ha interessato, quasi esclusivamente, la retribuzione di risultato e le eccedenze orarie.
In particolare la trattativa con le rappresentanze del personale dell'Area Medica e Veterinaria si è rilevata complessa e prolungata prima di arrivare alla sottoscrizione dell'accordo relativo agli anni 2009 e 2010, tra l'altro non con la totalità delle sigle presenti al tavolo. La trattativa per la retribuzione di risultato per il 2011, iniziata a giugno, si è appena conclusa.
Relativamente all'Area Comparto, invece gli incontri con le parti sindacali hanno riguardato in particolare il part time e il percorso di revisione previsto dalla L. 133 che l'azienda ha attuato nel corso 2011. Il confronto protrattosi per alcuni mesi ha consentito, da un lato, di comprendere le reciproche posizioni e, dall'altro, di attuare il percorso di revisione contemperando, dove possibile, le diverse esigenze (la prioritaria necessità dell'azienda di garantire servizi adeguati all'utenza e le esigenze personali/familiari dei lavoratori). Come negli anni passati, su richiesta delle parti sindacali, sono stati effettuati ulteriori incontri su specifici temi o problemi emergenti nel corso dell'anno attinenti l'organizzazione del lavoro: orario di servizio, mensa, parcheggi, regolamento SIMILALP, convenzioni con Università, congedo parentale, part-time ecc..
Nel 2011, su alcuni  progetti aziendali di riorganizzazione (attivazione Area critica, servizio 118) previsti dal Piano Strategico Aziendale, si è registrata una ferma contrapposizione da parte delle sigle sindacali (sia comparto che dirigenza); l'azienda, oltre a promuovere specifici incontri per favorire la partecipazione e la condivisione di tutti, ha posticipato la data di attuazione dei progetti e ha tenuto conto nell'attuazione degli stessi, ove possibile, dei suggerimenti e delle osservazioni formulate dai lavoratori e dai rappresentanti sindacali.


Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO