1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Obiettivi specifici di particolare rilevanza istituzionale

Considerazioni conclusive

E' ben noto che il razionale per l'applicazione del modello organizzativo di assistenza per intensità di cura poggia su due specifici presupposti, ovvero che un soggetto con elevati bisogni inserito in un sistema a bassa offerta tende a stressare il sistema ed ottenere una quota di assistenza maggiore degli altri utenti, ma inferiore a quella che richiederebbe in un sistema con idonea organizzazione, mentre un soggetto con modesti bisogni inserito in un sistema ad offerta alta riceve una quota di assistenza superiore a quella che riceverebbe se inserito in un sistema a bassa offerta. Il modello per intensità di cura incide pertanto sull'efficienza del sistema e può portare anche a miglioramenti della produttività, attraverso una riduzione dei tempi di percorsi di cura con recuperi dalla malattia più rapidi e una minor durata della degenza nei vari settori, realizzando un'organizzazione che sia in grado di ottimizzare le risorse.
Relativamente all'appropriatezza dei ricoveri nei settori a diversa intensità di cura, ovvero "il paziente giusto nel posto giusto", sono necessarie periodiche rilevazioni ed analisi. Particolare attenzione deve essere posta alla politica di sviluppo delle risorse umane e della professionalità degli attori coinvolti. I percorsi clinici assistenziali integrati rappresentano lo strumento fondamentale perché possa effettivamente compiersi la nuova presa in carico del paziente e realizzare i nuovi ruoli professionali.
Il modello organizzativo ospedaliero non può non misurarsi con i setting assistenziali complementari, da qui la necessità di misurare la performance del territorio e l'efficacia delle cure intermedie, finalizzate a garantire la continuità assistenziale dopo la dimissione ospedaliera e favorire il rapido recupero e la massima autonomia dei pazienti.


Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO