testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

2 novembre 2012 - Nuove modalità di presentazione della richiesta per astensione dal lavoro per complicanze in gravidanza

Dal 5 novembre la competenza in materia passa dalle Direzioni territoriali del lavoro all'Azienda USL di riferimento dell'assistita
 
Da lunedì 5 novembre 2012 la richiesta di astensione anticipata dal lavoro per le donne con gravidanza a rischio "nel caso di gravi complicanze della gravidanza o di preesistenti forme morbose che si presume possano essere aggravate dallo stato di gravidanza"  (art. 17 comma 2° lett. a del d. lgs 151/2001), dovrà essere presentata presso la propria Ausl di riferimento e non più alla Direzioni territoriali del lavoro (come stabilito dalla legge 35/2012, art. 15).

Si sottolinea che il passaggio di competenza alle aziende sanitarie riguarda esclusivamente le donne affette da un problema di salute che indica l'esigenza di interrompere l'attività lavorativa nel periodo della gestazione, mentre le donne sane che svolgono però una attività a rischio in gravidanza continueranno a fare riferimento alle Direzioni territoriali del lavoro. 
 
Per ottenere il provvedimento di interdizione anticipata dal lavoro per gravidanza complicata da problematiche di salute, la lavoratrice deve farne richiesta compilando e firmando un apposito modulo ed allegando un certificato rilasciato da un ginecologo pubblico (dipendente del Servizio Sanitario Nazionale), anche in regime di libera professione o un certificato rilasciato da un ginecologo libero professionista (privato), ma seguito da accertamento del ginecologo di struttura pubblica.
 
L'intero procedimento amministrativo verrà gestito dal Dipartimento di Cure Primarie dell'Ausl di Imola.

In particolare, la documentazione dovrà essere presentata presso una delle sedi del Consultorio Familiare dell'Ausl di Imola, che procederà contestualmente agli accertamenti medici per le lavoratrici seguite da ginecologo privato, secondo le seguenti modalità:
 
- sede di Imola (Polo Territoriale Città di Imola - P.zzale Giovanni dalle Bande Nere): accesso diretto il martedì dalle ore 11,30 alle ore 12,30, il mercoledì dalle 8 alle 9 e il venerdì dalle ore 8,30 alle ore 9,30
- sede di Castel San Pietro (Ospedale Civile - viale Oriani, 1): accesso diretto il mercoledì dalle ore 11,30 alle ore 12,30
- sede di Medicina (Polo sanitario - viale Saffi, 1): accesso diretto il lunedì dalle ore 8,30 alle ore 9,30
- sede di Borgo Tossignano (Distretto - via dell'VIII Centenario, 4): accesso previo appuntamento da prendersi telefonando al numero 0542/604190 dal lunedì  al  venerdì dalle ore 8 alle ore 9 e dalle ore 12 alle ore 13,30.
 
Nel caso in cui ci si rivolga ad un medico dell'U.O.C di Ostetricia e Ginecologia dell'Ausl di Imola o di altra Azienda sanitaria (sia in libera professione intramoenia che in attività istituzionale) sarà possibile presentare la richiesta alla Segreteria del Distretto (Viale Amendola 8, Ospedale Vecchio di Imola) nei seguenti giorni ed orari: dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 13 ed il martedì ed il giovedì dalle ore 14,30 alle ore 17,30 o inviare il certificato medico e il modulo di richiesta debitamente compilato e firmato, unitamente a copia del documento di identità della lavoratrice, via fax al numero 0542604456 o tramite posta certificata (pec) alla pec del Dipartimento Cure Primarie: cureprimarie@pec.ausl.imola.bo.it. Si ricorda che l'invio della mail con la documentazione deve avvenire da un indirizzo di posta certificata dell'utente ed essere indirizzata esclusivamente all'indirizzo pec aziendale sopra indicato.

I moduli di richiesta saranno resi disponibili presso le sedi consultoriali, la UOC di Ginecologia e l'URP dell'Azienda Usl di Imola e scaricabili dal sito istituzionale dell'Ausl di Imola (www.ausl.imola.bo.it) a partire da lunedì 5 novembre.

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO