1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

Consigli di puericultura

Bagnetto

Si può iniziare a fare il bagnetto quando il cordone ombelicale è caduto da alcuni giorni:

  • in qualsiasi momento della giornata, indifferentemente prima o dopo i pasti, anche tutti i giorni se il bambino sembra soddisfatto;
  • Con acqua a 36-37 °C;
  • Utilizzando poco sapone neutro
 

Coliche

 Nell'intervallo dei pasti, specie alla sera, il bambino può piangere con insistenza a causa delle coliche gassose.

  • Può essere utile: coccolare il piccolo evitando di sbalottarlo,  tenerlo in  braccio a pancia in giù, massaggiargli il pancino, aiutarlo a scaricarsi.
  • Consultare il pediatra se le crisi di pianto durano a lungo oppure sono molto frequenti durante la giornata o rendono il piccolo molto sofferente.
 

Feci

  • Se il neonato è alimentato con il latte materno le feci di solito sono molli, con frequenti scariche dopo ogni pasto.
  • Se il neonato è alimentato con latte artificiale le feci di solito sono dure ed emesse con difficoltà.

Non preoccuparsi se le feci: sono di colore verde, se presentano grumi bianchi, se sono emesse in numerose scariche al giorno (soprattutto se il bimbo è allattato al seno).

 

Genitali

Il sederino va lavato preferibilmente solo con acqua ad ogni cambio del pannolino, con movimenti dall'avanti all'indietro per non portare le feci in prossimità dello sbocco da dove esce la pipì;

  • nella femmina pulire accuratamente anche la zona vulvare, tra le grandi e le piccole labbra;
  • nel maschio non abbassare la pelle sulla punta del pene;
  • ricorrere alla salviette "usa e getta" solo se ci si trova fuori casa.
 

Moncone ombelicale

Cade spontaneamente entro il 20° 30° giorno di vita.   Non preoccuparsi se, caduto il moncone, l'ombelico è sporgente (rientrerà col tempo spontaneamente) senza necessità di fasciature.
Per evitare infezioni: Avvolgere il moncone con garze sterili asciutte 2-3 volte al giorno. Quando il moncone è caduto medicare 1-2 volte al giorno con acqua ossigenata e garze sterili, per 5-6 giorni.
Consultare il pediatra se: il moncone non è caduto entro il 30° giorno; la cute è arrossata o con pus.

 

Naso chiuso

Se il lattante ha il nasino "chiuso" o è raffreddato: installare in ogni narice alcune gocce di soluzione fisiologica  più volte al dì, specie prima dei pasti, accendere l'umidificatore nella stanza dove dorme il piccolo solo se l'aria è secca a causa del riscaldamento (non utilizzare l'umidificatore se qualche familiare è allergico agli acari).
L'umidità relativa all'ambiente dovrebbe essere del 40-50%.

 

Lavaggio nasale del bambino

  1. Distendere il bambino o farlo sedere se l'età lo consente. Inclinare la testa da un lato.
  2. Inserire dalla narice posta più in alto dalle 10 alle 40 gocce (20 gocce = 1 ml) o più a seconda dell'età del bambino oppure 4-5 puff (se usate l'erogatore spray a erogazione delicata). Potete utilizzare anche una flebo di soluzione fisiologica e "spruzzare" nel naso la soluzione con una piccola peretta o con una siringa (senz'ago ovviamente).
  3. Ripetere l'operazione prima da un lato e poi dall'altro
  4. Il bambino grande può fare il lavaggio da solo inclinando la testa da un lato
 

Per i lavaggi nasali la soluzione si può preparare in casa senza nessun problema.
Basta sciogliere 2 cucchiaini RASI di sale da cucina in mezzo litro di acqua.
Essendo una soluzione per lavaggi nasali, non serve che sia sterile, ma se vi rassicura, potete far bollire l'acqua prima di utilizzarla.
Con 4 cucchiaini RASI di sale in mezzo litro d'acqua, avrete ottenuto una soluzione ipertonica (da utilizzare solo su consiglio del Pediatra).

 

Orecchie

Va pulito solo il padiglione esterno: Utilizzare una garza o un batuffolo di cotone inumidito; è sconsigliabile utilizzare i "bastoncini" specie nel condotto uditivo, perché spostano il cerume in profondità favorendo la formazione di tappi di cerume e, se il bambino si muove, possono danneggiare il timpano.

 

Passeggiata

L'aria, il sole, la luce e la natura sono necessari a un bambino piccolo. Il sole attiva la vitamina D, importante per la crescita delle ossa e il mondo da scoprire è un'occasione che stimola.
Alcuni consigli: preferire luoghi verdi, tranquilli e lontani dal traffico; scegliere le ore con il clima più mite; uscire tutti i giorni anche d'inverno; limitare le passeggiate se i livelli degli inquinanti atmosferici della zona dove si risiede sono elevati (perché irritano gli occhi e le vie respiratorie soprattutto nei bambini più piccoli).

 

Rigurgito

 E' normale che un neonato emetta dalla bocca piccole quantità di latte cagliato, anche più volte al dì, talvolta a distanza dal pasto.
Consultare il pediatra se: i rigurgiti sono molto frequenti e/o abbondanti; il bambino sembra molto disturbato; la sua crescita non è soddisfacente.

 

Sete

Il neonato non ha necessità di bere perché il latte è già sufficientemente ricco di liquidi.
Dopo il primo mese si può somministrare al bambino dell'acqua naturale se:

  • Ha la febbre;
  • l'ambiente è molto caldo;
  • Sembra assetato (è utile ricordare che se il bambino è allattato al seno, nei primi mesi non è consigliabile utilizzare il biberon).
 

Stitichezza

 Un neonato sano può scaricare anche ogni 3-4 giorni, specie se non è alimentato al seno.
Consultare il pediatra se: il bambino non evacua da solo dopo 4-5 giorni; la stitichezza è abituale.


Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO