testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

22 ottobre 2014 - Vittorio Chioma è il nuovo direttore di Distretto dell'Ausl di Imola

Presentato ufficialmente ai Sindaci del Circondario

In occasione della seduta di oggi (mercoledì 22 ottobre) della Giunta del Nuovo Circondario Imolese, il Direttore dell'Ausl di Imola Maria Lazzarato ha presentato ufficialmente ai Sindaci del territorio il nuovo direttore di Distretto dell'Ausl, il Dr. Vittorio Chioma, nominato con delibera alla fine del mese scorso.

Il Dr Chioma, di origini marchigiane, ma imolese di adozione, è un professionista molto conosciuto in città. Laureatosi in Medicina e Chirurgia nel 1978, Vittorio Chioma è infatti stato assunto nel 1979 dall'allora USL 23 come medico geriatra, per poi vedersi affidare incarichi di sempre maggior rilievo, tra cui la direzione della UOC Lungodegenza post acuti (dal 2002 al 2012), del reparto di Geriatria e Lungodegenza (dal 2013) e del Dipartimento Medico (dal 2008 a tutt'oggi).

Dal 1° ottobre scorso Chioma ha assunto formalmente l'incarico di direttore di Distretto, che era rimasto temporaneamente in capo al Dr Andrea Rossi anche dopo la sua nomina, nell'aprile scorso, a Direttore sanitario. Fin da subito si era infatti scelto strategicamente di individuare all'interno dell'Azienda la figura che, per professionalità e competenza, potesse guidare questa fondamentale struttura, a cui è affidata la valutazione dei bisogni espressi dal territorio ed il conseguente adeguamento dei servizi residenziali, domiciliari ed ambulatoriali, la riprogettazione ed il rafforzamento dei percorsi clinici integrati tra ospedale e territorio che garantiscono la continuità della presa in carico, l'integrazione dei percorsi sanitari con quelli sociali e delle attività dell'Ausl e dell'ASP, ecc...

 "Il Dr Vittorio Chioma è uno stimato professionista che, proprio per i ruoli  che ha rivestito nella sua lunga carriera e che riveste a tutt'oggi all'interno della nostra Azienda, possiede una vasta ed approfondita conoscenza dell'organizzazione, sia dell'ospedale che dei percorsi di integrazione tra ospedale e territorio, fulcro delle attività del Distretto - ha spiegato la dr.ssa Maria Lazzarato, direttore generale dell'Ausl di Imola - Il progressivo invecchiamento della popolazione ed una situazione sociale oggettivamente critica, rendono fondamentale che le risorse ospedaliere e territoriali, sia in ambito sanitario che sociale, si integrino tra loro per garantire una continuità di presa in carico delle persone fragili, in costante aumento. Il Dr Chioma ha una specifica conoscenza, dal punto di vista clinico e gestionale, di questa complessità ed possiede pertanto il background e l'esperienza necessari a valutare i bisogni e a promuovere interventi integrati. A lui è affidato, tra gli altri, il compito di monitorare costantemente i tempi di attesa per le prestazioni ambulatoriali e di prendere, di volta in volta, i dovuti provvedimenti per mantenerli allineati ai bisogni reali ed appropriati dei cittadini. La sua collaudata esperienza e conoscenza del mondo ospedaliero, che nella nostra azienda è il principale produttore di queste prestazioni, è fondamentale per una corretta gestione complessiva di questo difficile settore".

I Sindaci del NCI, vista l'importante funzione affidata al direttore del Distretto in ordine all'integrazione socio-sanitaria, hanno espresso unanime apprezzamento per la nomina del Dott. Chioma, data la vasta esperienza di relazione tra servizi ospedalieri e territorio.

Il Dr. Chioma, oltre a guidare il Distretto, mantiene quindi l'incarico di direttore dell'Unità operativa di Geriatria e lungodegenza e di direttore di Dipartimento Medico, anche in considerazione dell'approssimarsi della scadenza naturale di quest'ultimo incarico, a fine 2014.

 "Dirigere il Distretto è una sfida che raccolgo volentieri, essendomi da sempre occupato, nel mio ruolo di direttore dell'area geriatrica e di lungodegenza e poi di direttore del dipartimento medico, dei percorsi di assistenza territoriale, socio-sanitaria e sociale post ricovero. In questo senso sono sempre stato un medico ospedaliero estremamente legato all'assistenza sul territorio e spero di poter mettere a frutto la mia esperienza per avvicinare sempre più questi due mondi".

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO