1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

21 dicembre 2011 - Il futuro dell'Urologia si specializza anche ad Imola

 La convenzione in essere dal 2006 tra Ausl di Imola e Scuola di Specializzazione in Urologia dell'Università di Bologna, diretta dal prof. Giuseppe Martorana, permette annualmente ai medici iscritti di svolgere la loro specializzazione all'interno dell'UOC di Urologia dell'Ausl di Imola di cui è direttore il dott. Emilio Emili. 

La Scuola di Specializzazione, che rappresenta un percorso professionalizzante post-laurea e che ha l'obiettivo di fornire conoscenze e abilità per lo svolgimento di funzioni altamente qualificate, dura in totale 5 anni durante i quali gli specializzandi acquisiscono progressivamente le competenze specialistiche nel settore professionale della prevenzione, diagnosi e terapia delle malattie dell'apparato urinario, genitale maschile e surrene direttamente sul campo. 
 
Il dott. Ziv Zukerman, classe 1979, israeliano, è uno dei medici specializzandi che sta prestando la sua attività all'interno dell'Ospedale S. Maria della Scaletta.
"Da luglio faccio parte, come specializzando, dell'équipe del dott. Emili e a fine anno terminerò i primi sei mesi di specializzazione - spiega il dott. Zukerman - Il mio lavoro quotidiano, affiancato dai medici dell'équipe, prevede sia attività di tipo ambulatoriale, che l'esecuzione di biopsie prostatiche e cistoscopie, fino ad arrivare all'attività chirurgica in sala operatoria.  La caratteristica di Imola, e questo è quello che prediligo, è che ho la possibilità di andare in sala 2 o 3 volte alla settimana. L'esperienza di questi ultimi sei mesi è stata per me molto positiva, e devo fare un sincero ringraziamento a tutta l'équipe, da cui ho imparato molto, e al dott. Emili per la professionalità e disponibilità dimostrata" 
 
"La Scuola di Specializzazione ha lo scopo di formare medici specialisti. -  aggiunge il dott. Emilio Emili - Grazie a questa convenzione con l'università di Bologna, hanno la possibilità di imparare direttamente sul campo. Tengo però a sottolineare che lo scambio di esperienze è reciproco. I medici specializzandi crescono quotidianamente confrontandosi con tutti noi, e allo stesso tempo ci aiutano praticamente nel lavoro quotidiano e rappresentano una grande risorsa. Una risorsa che si fonda sull'importante scambio di conoscenze tra persone 'fresche' di studi e tutti coloro che lavorano in corsia. In particolare vorrei ringraziare il dott. Zukerman per la dedizione al lavoro e l'impegno dimostrato in questi mesi, impegno che spesso si è protratto anche oltre l'attività giornaliera programmata."

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO