1. Vai ai contenuti
  2. Vai al menu principale
  3. Vai al menu di sezione
  4. Vai al footer
testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

Contenuto della pagina

22 febbraio - Inaugurato oggi il nuovo ambulatorio dei medici di famiglia di Codrignano.

Essereuna SMART Community significa essere Solidale, Multiforme,Accogliente, responsabile, Tollerante: è con questi valori che ilNuovo Circondario Imolese da sostanza ad uno sconosciuto termineinglese tracciando la strada per una comunità che sa prendersi curadi sé e dei propri beni immateriali. SMART Community è anche ilnome del progetto "S.M.A.R.T. Community", con cui il NuovoCircondario Imolese ha partecipato al bando 2015 collegato alla Legge regionale 3/2010di promozione del diritto alla partecipazione attiva dei cittadiniall'elaborazione delle politiche regionali e locali, ottenendo unfinanziamento di40mila euro.

" Sitratta di un progetto molto sfidante, che mette lenostre comunità al centro di una riflessione non solo sociale, ma anche culturale -spiega la Dr.ssaCarla Sonia Cicero , direttricedell'Ufficio di supporto alla Conferenza Territoriale Sociale esanitaria e dell'Ufficio di P ianodel Nuovo Circondario dell'Area Integrazione servizi sociali e sanitari dell'Ausl diImola - Partendo dal presupposto che esiste un capitale sociale ricchissimo, alla comunità viene chiesto diinterrogarsi su come può intercettare e comprendere i bisogni meno"evidenti" (dalla solitudine di un anziano al disagio di unadolescente, dalla fatica di un caregiver allo spaesamento di unostraniero appena arrivato); diventare più attenta alle fragilità ealle vulnerabilità sociali presenti al proprio interno e valorizzarele risorse di aiuto di cui è portatrice, aumentando i legami nelproprio tessuto sociale, rendendo più efficaci le reti diintervento, rigenerando ruoli e pratiche ed integrando il proprioagire sociale (di individuo o di gruppo) con quello delle Istituzionie/o del Terzo settore".

Unariflessione che si svolge nel corso di una serie di focus group con icittadini organizzati nei vari territori ( nellefoto l'incontro svoltosi con i cittadini di Dozza lo scorso 16febbraio )e attraverso un breve questionario ed un concorso creativo checoinvolgerà, con varie modalità, i ragazzi delle scuole delcircondario dai 4 ai 17 anni.
" Ilprogetto S.M.A.R.T Community è estremamente articolato ed il suoobiettivo finale è quello di produrre uno strumento che supporti lecomunità nella capacità definirsi, misurare se stesse in termini dibisogni ed aspirazioni, partecipare alla costruzione di una letturacondivisa della realtà ed orientare l'azione delle nuove politichedi welfare.

Abbiamochiamato questo strumento "Regolamento della S.M.A.R.T. COMMUNITY"e lo immaginiamo come un documento che esprima una visione dellacomunità (intesa come descrizione di ciò che è e dellepotenzialità in grado di esprimere), prodotta dalla comunità stessae basata sulla disponibilità dei cittadini a mettere inatto comportamenti cooperativi e sull'abilità dell'amministrazionedi pianificare un welfare coordinato, integrato e flessibile, chepreveda la partecipazione sociale".
" Inquesto senso, in una prima fase, un ruolo importante è stato giocatodagli amministratori locali del Nuovo Circondario Imolese -continua la dr.ssa Cicero - che si sono resi disponibili fornendo algruppo di progetto le prime indicazioni sugli attori locali dacoinvolgere (singoli o gruppi significativi per la comunità); sulletematiche che ritenevano di maggior rilevanza per il loro territorioe sulla loro personale percezione del profilo della comunità diriferimento, oltre a garantire i supporti organizzativi e logisticiper lo svolgimento degli incontri".
Ilprogetto è partito da circa un mese e si sta velocementesviluppando, anche con le naturali modificazioni che unaco-costruzione di significati sociali deve necessariamente prevedere."Dobbiamo davvero ringraziare i cittadini dei nostri territori -conclude Cicero - che si stanno mettendo in gioco con entusiasmo edisponibilità per costruire insieme il racconto di quello che siamoe di quello che, insieme, possiamo essere".

 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO