testata per la stampa della pagina
Home /
condividi

UOC Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

La UO Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro si occupa di prevenzione di rischi e pericoli nei luoghi di lavoro e tutela della salute dei lavoratori, attraverso le attività di controllo, vigilanza e assistenza rivolte al mondo del lavoro.
Le finalità istituzionali della UO sono perseguite attraverso le seguenti attività:

  • conoscenza dei rischi e dei danni per la salute presenti nelle realtà produttive del territorio aziendale e utili alla programmazione delle attività, anche attraverso la consultazione di banche dati e l'epidemiologia degli infortuni sul lavoro e dei dati di sorveglianza sanitaria effettuata dai medici competenti;
  • interventi programmati di vigilanza e prevenzione nei luoghi di lavoro, eseguiti in un comparto produttivo o in una singola azienda, per affrontare e ridurre i fattori di rischio più gravi e più diffusi nonché il mancato rispetto delle norme in materia di igiene e sicurezza sul lavoro da parte dei soggetti obbligati, con particolare riferimento a posti e ambienti di lavoro, macchine, attrezzature e impianti e inquinamento da agenti chimici, fisici e biologici;
  • gestione di qualsiasi richiesta (Carabinieri, Polizia, INAIL, Guardia di Finanza, legali di parte, cittadini, R.L.S., OO.SS.) di informazioni o intervento, legate a situazioni di imminente pericolo nei luoghi di lavoro o a infortuni sul lavoro;
  • svolgimento di inchieste su infortuni sul lavoro e malattie professionali, d'iniziativa o su delega dell'Autorità Giudiziaria, per individuare cause, modalità ed eventuali responsabilità di terzi;
  • attività di educazione alla prevenzione ed alla salute, rivolta a tutti i soggetti interessati, con particolare attenzione a lavoratori e RLS, per informare, formare e promuovere la salute nei luoghi di lavoro;
  • valutazione igienico-sanitaria preventiva nella costruzione e ristrutturazione dei locali industriali, per la verifica del rispetto dei requisiti di igiene e sicurezza dell'ambiente di lavoro (attività integrata con l'UO Igiene e Sanità Pubblica);
  • rilascio di pareri per l'agibilità di strutture produttive (attività integrata con l'UO Igiene e Sanità Pubblica);
  • esame dei piani di lavoro per rimozione di materiali contenenti amianto e assistenza in generale sul rischio amianto;
  • visite specialistiche di medicina del lavoro su richiesta per problematiche sanitarie individuali correlate all'idoneità al lavoro, compreso il rilascio di certificazioni per malattie professionali;
  • gestione della commissione medica per i ricorsi all'organo di vigilanza contro il giudizio di idoneità del medico competente (art. 41 comma 9 del D.Lgs. 81/08) ed espressione del relativo parere;
  • gestione appropriata delle richieste di supporto da parte della Direzione Territoriale del Lavoro per l'espressione di pareri finalizzati alla tutela delle lavoratrici madri esposte a rischio professionale;
  • partecipazione alle commissioni medico-legali aziendali (L.300/70; L. 68/99) per la definizione dell'idoneità al lavoro;
  • affiancamento/sostegno/guida degli studenti durante il tirocinio curricolare previsto dal piano didattico del Corso di Laurea in Tecniche della Prevenzione in Ambiente e nei Luoghi di Lavoro.
 

Carta del Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

 
 

 

Approfondimenti

Sistema informativo REACH-CLP - DSP

ULTIMA SCADENZA REACH: 31 MAGGIO2018
Il REACH costituisce la più grande e importante regolamentazione sulle sostanze chimiche mai realizzata a livello europeo, e per conseguire i propri ambiziosi scopi sostituisce buona parte delle precedenti norme della UE e nazionali in materia, introducendo un sistema informativo integrato che si basa su quattro elementi fondamentali: la Registrazione, la Valutazione, l'Autorizzazione e le Restrizioni delle sostanze chimiche. Vai alla pagina dedicata

 

Formazione in materia di sicurezza sul lavoro studenti in alternanza scuola lavoro

Gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che si recano presso le aziende in alternanza scuola lavoro, prima di iniziare l'attività lavorativa debbono ricevere dall'amministrazione scolastica la formazione prevista dall'art. 37, comma 1 del D.Lgs. n. 81/2008.
I  Dipartimenti di Sanità Pubblica della Regione Emilia Romagna, nel loro ruolo di collaborazione e assistenza con le scuole e nell'ottica di renderle autonome rispetto a tale obbligo, hanno predisposto e messo gratuitamente a disposizione una serie di pacchetti formativi sulla tutela della salute e sulla sicurezza, aggiornata al 2016 e scaricabili in formato pdf e ppt, che possono essere utilizzati dal corpo docente per formare i propri studenti. Vai alla pagina dedicata

 

Fumare fa male alla salute

I danni da fumo e le conseguenze del fumo (anche del fumo passivo) sono davvero tanti! La sigaretta contiene infatti circa 5000 sostanze dannose all'organismo; è una miscela di droghe leggere, a cui il nostro corpo mano a mano si abitua causando danni sempre più gravi.

Vai alla pagina dedicata per ulteriori informazioni

 

Piano di monitoraggio per lo stress lavoro-correlato (slc)

Nell'anno 2015 l'UOC PSAL ha proceduto  ad una verifica della valutazione dello stress lavoro correlato in un campione di aziende del comprensorio della AUSL di IMOLA. Tale iniziativa era parte di un progetto sviluppato nell'ambito della Campagna europea "Insieme per la prevenzione e gestione dello stress lavoro-correlato", condotta da 16 regioni in collaborazione con INAIL.

Vai alla pagina dedicata per ulteriori informazioni

 

Come fare per smaltire piccole quantità di amianto

Le modalità di bonifica previste dalla norma sono la rimozione (che elimina definitivamente il pericolo), l'incapsulamento (copertura di tutte le superfici a vista con uno strato di vernice che blocca la dispersione delle fibre superficiali) e la sovracopertura/confinamento (si controlla la diffusione di fibre attraverso un materiale rigido posto sopra le superfici da proteggere).

Vai alla pagina dedicata per ulteriori informazioni

 

Tutela maternità (dlgs.151/2001): informazioni ed assistenza per l'astensione dal LAVORO A RISCHIO in caso di gravidanza

La normativa stabilisce il divieto di adibire le lavoratrici madri al trasporto e al sollevamento di pesi, nonché ai lavori pericolosi, faticosi ed insalubri. Il D.Lgs. 151/01 riporta un elenco di lavori a rischio vietati per tutto il periodo della gestazione e fino a 7 mesi dopo il parto.

Vai alla pagina dedicata per ulteriori informazioni

 

Informazioni per il committente di lavori edili

 

NOTA BENE
Si comunica che l'invio a questa Azienda USL della Notifica Preliminare di lavori dovrà avvenire esclusivamente attraverso il portale regionale www.progettosico.it, come stabilito dal DGR 217/2013 della Regione Emilia-Romagna.

Segnalazione/referto di malattia professionale

Denuncia/segnalazione di malattia professionale all'INAIL, alla Direzione Provinciale del Lavoro e all'U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro della Azienda USL competente per territorio, ai sensi dell'art. 139 del DPR 1124/65 e dell'art.10 del D.Lgs. 38/00;
referto all'A.G. ex art. 365 c.p. Tale obbligo, come da indicazioni fornite dalla Procura della Repubblica di Bologna con nota n. 378/05 EDN del 27 Ottobre 2005, può essere assolto attraverso l'invio del referto all'U.O. Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro della Azienda USL competente per territorio (organo di Vigilanza ai sensi del D.Lgs. 81/08).

 

Il modello è già predisposto con i corretti riferimenti delle istituzioni competenti per il territorio del circondario imolese e risponde inoltre, per la completezza delle informazioni che contiene, ai requisiti necessari per lo studio e la valutazione delle malattie professionali nell'ambito del progetto nazionale MALPROF, istituito dal Coordinamento delle Regioni e Provincie autonome in collaborazione con ISPESL.

 

Infortuni sul lavoro nel Circondario Imolese: presentati i dati 2017

24 ottobre 2018 - Sono stati presentati oggi i dati degli infortuni sul lavoro e delle malattie professionali del circondario imolese nell'anno 2017. 
1693 gli infortuni in totale, nessuna morte bianca ed un calo del 4% rispetto al 2016.  Tutti i dati nella pagina dedicata

 
 

Ultimo aggiornamento pagina:
12 Aprile 2019

Direttore (F.F.):

Per informazioni

Dove rivolgersi

TARIFFARIO DELLE PRESTAZIONI RESE DAI DIPARTIMENTI DI SANITA' PUBBLICA DELLE AZIENDE UNITA' SANITARIE LOCALI

Risorse dedicate


Accesso:
diretto o telefonicamente
dal lunedì al venerdì ore 8.30 - 12.30
martedì pomeriggio ore 14.30 - 17
tel.0542 604950
fax 0542 604903
 
mail prevenzione@ausl.imola.bo.it

PEC: psal@pec.ausl.imola.bo.it

E' possibile comunque essere ricevuti, previo appuntamento telefonico con l'operatore, anche nei pomeriggi in cui il servizio è chiuso.
Nel caso in cui si voglia conferire direttamente con un operatore, è' comunque consigliabile l'appuntamento telefonico anche per accessi durante l'orario di apertura al pubblico.


Ultimo aggiornamento
26 febbraio 2019


 
 
Valuta questo sito: RISPONDI AL QUESTIONARIO